28 ottobre 2008

Uebtivì.

Adesso, anche noi di Cernusco sul Naviglio abbiamo la uebtivì.

24 ottobre 2008

La campagna dell'Unità: Olivieri Toscani cita se stesso.



Clamorosa autocitazione di Oliviero Toscani, che nella campagna di lancio per la nuova Unità di Concita De Gregorio e Renato Soru utilizza la stessa immagine che lo rese famoso negli anni '70 per la campagna dei jeans Jesus: «Chi mi ama mi segua» ideata insieme ad Emanuele Pirella.

23 ottobre 2008

La minigonna di Concita.



Una giovane donna in minigonna. Questa l’immagine che Oliviero Toscani e il suo laboratorio creativo La Sterpaia hanno inventato per la campagna di lancio della nuova versione del quotidiano L’Unità. “Sarà una campagna di fortissimo impatto” promette Isabella Corsini, direttore marketing del giornale di cui Concita De Gregorio ha assunto a settembre la direzione. (F.C. per Pubblicità Italia)

Posso dire una cosa? Non la dico.

Umbria Libri 2008.

Mi scrive l'amico Davide Vasta:

"L'associazione nazionale TP - Tecnici Pubblicitari è stata invitata a partecipare all'evento Umbria Libri 2008.
Abbiamo un nostro stand espositivo, ma cosa ancor più interessante, abbiamo ideato una tavola rotonda dal titolo "Un libro per Comunicare".
Tutte le informazioni sull'evento sono su questa pagina."

22 ottobre 2008

Il caso Saviano e il boom di Facebook.



Tutto questo parlare di Roberto Saviano e del suo Gomorra ha scatenato anche il popolo della blogosfera e del web 2.0.

In questo post un riassunto di cosa sta succedendo.

Foto da: vistidalontano.blogosfere.it

Guido Harari e la tribù viaggiante di De André e PFM: 37 euro spesi bene.



Il libro di Guido Harari "Evaporati in una nuvola rock" sarà in vendita dal 23 ottobre. Edito da Chiarelettere. Costa 37 euro, 240 pagine di grande formato. Circa 200 le immagini, moltissime delle quali inedite.

Qui la galleria fotografica su Repubblica.it

16 ottobre 2008

Nessuno tocchi Saviano.



'Fanculo il successo. Voglio una vita, ecco. Voglio una casa. Voglio innamorarmi, bere una birra in pubblico, andare in libreria e scegliermi un libro leggendo la quarta di copertina. Voglio passeggiare, prendere il sole, camminare sotto la pioggia, incontrare senza paura e senza spaventarla mia madre. Voglio avere intorno i miei amici e poter ridere e non dover parlare di me, sempre di me come se fossi un malato terminale e loro fossero alle prese con una visita noiosa eppure inevitabile. Cazzo, ho soltanto ventotto anni! E voglio ancora scrivere, scrivere, scrivere perché è quella la mia passione e la mia resistenza e io, per scrivere, ho bisogno di affondare le mani nella realtà, strofinarmela addosso, sentirne l'odore e il sudore e non vivere, come sterilizzato in una camera iperbarica, dentro una caserma dei carabinieri - oggi qui, domani lontano duecento chilometri - spostato come un pacco senza sapere che cosa è successo o può succedere. In uno stato di smarrimento e precarietà perenni che mi impedisce di pensare, di riflettere, di concentrarmi, quale che sia la cosa da fare. A volte mi sorprendo a pensare queste parole: rivoglio indietro la mia vita. Me le ripeto una a una, silenziosamente, tra me".

Roberto Saviano - La Repubblica 14 Ottobre 2008

14 ottobre 2008

10 ottobre 2008

La notte dei pubblivori torna a Milano.



Una notte lunga 500 spot.

L’edizione numero 28 della classicissima delle maratone sta per partire.
Il 24 e 25 ottobre 2008, per la prima volta, il Teatro degli Arcimboldi ospiterà dalle ore 22.00 le due esclusive serate milanesi de “La Notte dei Pubblivori”, con il patrocinio del Comune di Milano.

100 posti sono riservati agli iscritti ADCI, con precedenza agli Studenti!

L’edizione italiana de La Notte dei Pubblivori, prodotta da Riccardo Cioni, titolare dell’agenzia La Buccia, si inserisce nel panorama della manifestazione internazionale nata da un’idea di Jean Marie Boursicot, fondatore della Cinémathèque.
Boursicot, come ama raccontare, ha saputo fare della passione di un bambino per il cinema il suo lavoro. Afferma: “Gli spot pubblicitari c’è che li realizza, chi li vende, chi li distribuisce, chi li guarda….. io li colleziono”.

La Notte dei Pubblivori è un grande contenitore di commercials e messaggi pubblicitari studiati per la TV, per il web, per il cinema; una miscela variegata di spot, del passato e del presente, da gustare per tutta la notte e su grande schermo proprio come al cinema.

Anche quello di quest’anno sarà un viaggio attorno al mondo in 4 ore e 500 spot selezionati da una collezione di oltre 800.000 produzioni provenienti da tutti i paesi del mondo, un patrimonio tanto unico quanto prezioso.

Su grande schermo un’ampia panoramica della creatività pubblicitaria mondiale capace di regalare emozioni intense e fragorose risate con i suoi spot d’autore, le campagne sociali da elettroshock, i “cultcommercials” del passato e le novità del mercato mondiale. Un ideale percorso multiculturale attraverso la comunicazione di 5 continenti.

Tra le curiosità dell’edizione 2008:

Un panorama della pubblicità del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite e la campagna diretta da Wim Wenders.

La saga “Optic 2000” con Johnny Halliday.

Un panorama della pubblicità di Hong Kong e una overview sui russi e la Russia nella pubblicità internazionale.

La pubblicità e il mondo del calcio.

Una carrellata di spot dove protagoniste sono le star: dalle Spice Girls, a Ronaldo e Zidane, a Carla Bruni, George Clooney e altri.

E come sempre il meglio degli spot de La Notte dei Pubblivori.

Oltre l’Italia, 70 Paesi nel mondo ospitano il tour Notte dei Pubblivori, nel corso dell’anno.
Giappone, Messico, Francia, Emirati Arabi, Stati Uniti e Burkina Faso, solo per citarne alcuni, siglano un virtuale gemellaggio nel mondo parallelo della pubblicità.

Milano, 24 e 25 ottobre, Teatro degli Arcimboldi, viale dell’Innovazione 20, a partire dalle h. 22,00

Biglietti: € 10,00
Prevendita su TicketOne:

100 posti riservati agli iscritti ADCI con precedenza agli Studenti.
Per registrarsi, occorre essere in regola con la quota associativa 2008.
Scrivere al segretario: gianguido.saveri@adci.it
Specificare se si preferisce il 24 (venerdi) o il 25 (sabato).
La registrazione è nominativa (1 nome = 1 ingresso).
I biglietti si ritirano sul posto la sera stessa.

Per informazioni: www.lanottedeipubblivori.it

Fonte: http://blog.adci.it

8 ottobre 2008

Miravete de la Sierra, il paese di 12 abitanti dove non succedeva niente di interessante.



Miravete de la Sierra è un piccolo paese della provincia di Teruel, vicino a Zaragoza, in Spagna.

E' un paese in cui praticamente non succede nulla, forse perchè ci vivono solamente 12 anime, un po' tipo Isola dei Famosi o Grande Fratello.

I 12 abitanti di Miravete si chiamano: Provvidenza, Giovanni, Timoteo, Ascensione, Felix, Carmen, Angel, Palmira, Bernardo, Josefa, Faustina e Christopher.

Una sera, a uno di loro, Bernardo, stanco di parlare solamente con gli altri 11 , è venuta l'idea di realizzare un sito per attrarre turisti e far succedere qualcosa nel paese.

Ecco quindi che, su Miravete de la Sierra, si è abbattuta la mannaia del marketing e di un'agenzia di pubblicità che ha lavorato al progetto sviluppando l'idea di Bernardo e dei suoi amici.

E' nato così il sito internet www.elpuebloenelquenuncapasanada.com molto curioso attraverso cui, per dirne una, è possibile prenotare una stanza nella casa del sacerdote, o un tavolo nell'unico bar trattoria esistente e sentire la voce di ciascuno dei dodici abitanti.

L'operazione ha avuto un successo straordinario. Migliaia di accessi al sito grazie a centinaia di blog che ne hanno parlano lavorando soprattutto sul social networking.

Adesso, per dormire o mangiare a Miravete de la Sierra, c'è una lista d'attesa di due mesi.

Morale della favola: ma allora è proprio vero che il web 2.0 funziona!

Nella foto: un angolo di Miravete de la Sierra.

7 ottobre 2008

Ve li ricordate i Gentle Giant? Chi ha più di 40 anni sicuramente si.



Domenica mattina frugavo negli armadi di casa e ho ritrovato tre cd musicali che chissàperchè avevo nascosto lì. Uno di questi è l'album omonimo dei Gentle Giant, gruppo storico del progressive rock degli anni '70 che mio fratello Michele (10 anni più di me) mi faceva sentire quando io andavo alle scuole medie.

Nessun ragazzo che vede questa copertina di ellepì se la dimentica.

Feticcio.

3 ottobre 2008

L'anno zero del marketing.



La storia di Margherita Granbassi e di Annozero ci ha rotto.

Michele Santoro è bravissimo a catturare l'attenzione dei media. E' per questo che ha creato il caso Granbassi: tutti parlano di lei e quindi anche di lui.

Se "googlate" la Granbassi, vedrete che in prima pagina c'è Santoro.

E poi, di grazia, l'avete visto il sito della Granbassi? Sembra tutto tranne che il sito di una schermitrice. Sembra il sito di una soubrette.

Touchè.